Per ottimizzare il nostro sito Web e migliorarlo continuamente, utilizziamo i cookie. Cliccando sul pulsante "OK" accetti l'uso dei cookie. Ulteriori informazioni sui cookie, in particolare su come è possibile evitare l'uso dei cookie, sono disponibili nella nostra informativa sulla protezione dei dati personali

.

Solo online

Castello di Chambord

Nuovo prodotto

Gioiello dei castelli della Loira, Chambord fu progettato per il piacere del grande re Francesco I e divenne il simbolo del Rinascimento.

Maggiori dettagli

1925 Articoli

14,50 €

Dettagli

Orari  di apertura Castello di Chambord:


Libero accesso al dominio e il castello aperto tutti i giorni tranne il 1 gennaio, primo Martedì del mese di febbraio e il 25 dicembre.

Dal 1 novembre al 25 marzo: in 09:00-05:00
Dal 26 marzo al 31 ottobre: ​​09:00-06:00

eventuale ammissione fino a 30 minuti prima della chiusura del castello


Prezzi Castello di Chambord:


    Prezzo normale: 14,50 € tasse servizi sempre di spedizione (IVA inclusa).

I bambini sotto i 18 anni di età (Accompagné da un adulto obbligatoria per i bambini sotto i 16 anni di età) e cittadini dell'Unione europea di età compresa tra 18-25 anni sono gratuiti.

E-biglietti - i biglietti saranno inviati come e-mail dopo pagamento
I biglietti per il castello di Chambord, non sono soggetti al diritto di recesso. I biglietti non possono essere restituiti o scambiati. I biglietti sono validi fino alla fine dell'anno in corso.


HistoPad, audioguide (12 lingue - durata 90 min - € 8, € 5)
Guida (7 lingue - 7 €) disponibili presso il negozio, tablet adapté ai disabili
Deposito di ID richiesto per il noleggio di HistoPad

  •         Gli animali non sono ammessi nel castello di Chambord
  •         WC libero nel castello - A pagamento servizi igienici vicino al dominio
  •         Possibilità di ristorazione in loco (fast food o tradizionale)
  •         visitare non adatto a persone disabili
  •         bagagli gratuiti - grande bagaglio non è tollerato

A circa 15 chilometri dalla città reale di Blois, è possibile visitare il Castello di Chambord.
Il castello è chiaramente il più magnifico della Valle della Loira e anche il più famoso di tutti i castelli della Loira.
Tuttavia, Chambord e la sua costruzione sono pieni di segreti che non sono stati rivelati fino ad oggi.
Perché il re Francesco I dovette costruire un castello in questo dominio? Infatti, Chambord è già un grande complesso di caccia con la sua imponente foresta, quando il re dei re di Francia decise nel 1516 di costruire il più grande castello della regione della Loira.
Oggi, la proprietà di Chambord rimane la più grande proprietà recintata in Europa. Ma le ragioni di un così grande cantiere per un castello, che serve solo come una dependance per il castello di Blois, non possono essere spiegate.
Dal 1519 il re Francesco I. diede inizio e supervisionò la costruzione del castello di Chambord.
Il castello ha visitato se stesso, ma solo 42 giorni durante il suo regno.

Tali domande sulle reali intenzioni del re e sui segreti che circondano l'identità del costruttore hanno suscitato l'immaginazione di molti visitatori in cerca di risposte esoteriche.
Molti ritengono che dietro l'architetto del castello di Chambord si trovi Leonardo Da Vinci, nientemeno che il più grande genio di tutti i tempi. Il genio del Rinascimento italiano seguì quindi il re di Francia nella sua corte sulla Loira.
Leonardo divenne una specie di padre spirituale per Francesco I, che aveva già perso molto il suo naturale padre.

Il castello di Chambord non si cura del successo del romanzo Da Vinci Code di Dan Brown. Chambord suscitò curiosità dal Rinascimento.

Come molti altri castelli della Loira, Chambord è pieno di questi ornamenti e alloggi importati dallo stile rinascimentale italiano alla Francia. Tuttavia, il castello conserva le caratteristiche dei tipici edifici feudali dei secoli passati.
La lanterna continua a rivelarsi una bella piattaforma di osservazione per i turisti e l'ingresso come punto comodo per acquistare souvenir di Chambord o selezionare Histopad prima o dopo la visita al castello. Tuttavia, il visitatore deve sapere che tali mura e torri nel periodo del Rinascimento e gli onnipotenti cannoni a polvere non avevano alcun significato.
Gli scopi difensivi di queste strutture si sono rivelati fin dall'inizio del 16 ° secolo.

Ciò che rende solidale è soprattutto la perfetta simmetria nell'architettura del castello, che è divisa in quattro appartamenti, è distrutta dall'inversione, dall'inversione di un'ala. Un errore che può essere solo deliberato al prezzo di un tale monumento.
Questo rovesciamento è, sorprendentemente, trovato in alcune "Salamander" e "F" (firme del re Francesco I) che decorano i tetti.

Se la costruzione di Chambord avesse avuto un ulteriore significato in questa epoca, che aveva un particolare senso di simbolismo, il visitatore probabilmente non risolverà o addirittura non darà nella sua visita alla Valle della Loira di questa storia, perfino in tempi diversi.
Dopotutto, crea qualcosa di speciale nel castello di Chambord, che gli altri castelli come Amboise, Chenonceau o Blois non possono rivendicare.

Chambord ha anche qualcosa di speciale per i turisti. Porta in mezzo alla foresta, in un luogo appartato della regione della Loira, una sensazione di tranquillità.
Sebbene il castello sia uno dei castelli più visitati al mondo, grazie alle dimensioni del dominio, i visitatori non possono essere disturbati nemmeno durante l'alta stagione. L'atmosfera è in qualche modo rurale, tranquilla, gastronomica e culturale.

Un innegabile vantaggio di visitare Chambord Castle è che è arredato.
Nel Medioevo, la corte seguì il re quando passò da un castello all'altro. Questo naturalmente è accaduto molto di fronte ai numerosi castelli della Valle della Loira; e l'entourage ha sempre preso i loro mobili con loro (da qui il nome "mobili" = qualunque cosa si muova).
Molti visitatori sono sorpresi dalle stanze vuote in alcuni castelli della Loira.

Dopo la rivoluzione francese e dopo gli imperi napoleonici, il castello fu abitato dal conte di Chambord, che in seguito avrebbe servito come re Enrico V.